IN SHOW THE VALUE CHAIN 

OF ADDITIVE PRODUCTION: FROM 

STRUCTURAL DESIGN TO SUPPLIERS OF 

MACHINES, FROM POWDER PRODUCERS TO 

SERVICE PROVIDERS.

 

RM FORUM, is the Event/Seminar organized by
Eris Eventi/ Publitarget on the state of the art of the tools, technologies and materials for
Additive Manufacturing (AM)
of products and components made from plastics or metal alloys, in particular in the Aeronautics, Oil & Gas, Automotive,
Racing, Medical and Technical Components.

speakers&abstract

Giulio Turinetti - Altair Engineeringjpg
Giulio Turinetti
Business Developer, Altair Italia
ALTAIR500jpg
Pensare fuori dagli schemi: liberare il potenziale dell'Additive Manufacturing con nuove tecniche di progettazione

Le tecnologie di produzione additiva in ambito metallo, sempre più presenti nelle aziende industriali, offrono la possibilità di pensare prodotti ad alto valore aggiunto.
Performance sempre più spinte e geometrie complesse sono i fattori chiave per sfruttare al massimo il potenziale di questa tecnologia.
Altair, leader nel settore dell’ottimizzazione strutturale, mette a disposizione di ingegneri e progettisti gli strumenti che assistono la progettazione di componenti in Additive Manufacturing partendo da foglio bianco, fino alla realizzazione del CAD finale con avanzate tecniche free-form.


impellozzeri frederic polyshapejpg
Frédéric Impellizzeri

Manager BU Automotive, POLY-SHAPE Group
logo_PolyS_ITALY_500jpg

Motorsport-Design and Optimization of an upright for ALM
The Pikes Peak International Hill Climb (PPIHC), also known as The Race to the Clouds, is an annual automobile and motorcycle hillclimb to the summit of Pikes Peak in Colorado, USA. Poly-Shape designed and produced new uprights specially for this race using Additive Manufacturing technology and topological optimization, delivering an essential component in order to save mass and improve stiffness to reach the high demands of race cars and enabling Romain Dumas to win the race in 2017.


Enrico Orsi sfondo biancojpg
Enrico Maria Orsi
Additive Manufacturing Products Manager - Italy,
Renishaw
renishaw_ok_500jpg 
L’abbiamo stampato, ora come lo lavoriamo?

La produzione additiva di componenti in metallo è in molti casi il primo passo nella realizzazione di oggetti dalla geometria complessa e che, tipicamente, richiedono lavorazioni meccaniche successive per raggiungere la funzionalità finale. Questo passaggio richiede un’attenzione particolare proprio a causa delle geometrie nuove e complesse. In questo intervento mostriamo alcuni esempi e modalità per affrontare con successo la lavorazione di parti additive.

We printed it, and now how do we finish it?
Metal AM is often the first stage in a process to manufacture geometrically complex objects that commonly require subsequent machining to achieve their final functionality. This second stage requires special attention due to the new and complex geometry itself. In this speech we present some examples and ways to successfully achieve machining of AM parts.


Abel Ramosjpg

Abel Ramos Calvo

Application Engineer,

ANSYS

ANSYS-logo-without-blur_PICCOLOjpg
ANSYS Simulation solution for Metal Additive Manufacturing Process

Understanding how a design would actually print is crucial to avoiding huge costs of failed builds. Metal parts are built-up on top of “build plates.”  Support structures are required to hold the part rigidly in place during the build. Intense residual stress and distortion occur due to rapid heating and cooling of the metal with a laser. With insufficient supports, part accuracy is poor and/or the part will distort and hit the powder spreader, causing the build to fail. If too many supports are added, the part will sometimes crack due to excessive residual stress. When this part is removed without heat treatment, it bows. To fix the issue using trial and error is very expensive. Using ANSYS AM Simulation tools can allow you to predict the part distortion at any point during the building process. In addition, ANSYS offers additional post-processing tools to help you improve your support strategy and compensate the initial geometry using simulation results.


aNSALDO ENERGIAjpg

Massimiliano Maritano
R&D Project Manager AEN R&D PRG SSG
,

ANSALDO ENERGIA
logo-ansaldojpg

L’utilizzo dell’additive manufacturing nelle turbine a gas Ansaldo Energia di prossima generazione

L’additive manufacturing è presente nel settore delle turbine a gas da diversi anni e rappresenta il tanto atteso cambiamento di tecnologia che consentirà al progettista di migliorare le prestazioni del motore, in tempi molto più brevi.
La produzione additiva (AM) dei componenti di Hot Gas Path differisce in modo significativo dalle catene di processo note. Tutti gli elementi di questa nuova tecnologia di produzione devono essere definiti e convalidati.
Ansaldo Energia sta lavorando attivamente all'applicazione e allo sviluppo di SLM per i suoi componenti di turbine a gas, sia per la produzione di parti nuove che per il ricondizionamento di parti esercite.
Verranno presentate alcune applicazioni recenti e le principali criticità riscontrate, con uno sguardo ai temi di interesse per il futuro.


The use of Additive Manufacturing for Ansaldo Energia’s next Generation
of Gas Turbines

Additive manufacturing has been around in the gas turbine industry for several years now and represents the long awaited step change in technology that will allow the designer to improve the engine’s performance, in a much shorter timeframe.
Additive Manufacturing (AM) of Hot Gas Path components differs significantly from known process chains. All elements of this novel manufacturing route had to be established and validated. Ansaldo Energia is actively working in the application and development of SLM for its gas turbine components, both for for new part production and reconditioning of ex-service components. Some recent applications will be shown together with critical issues found and a look to the future.


teceurolab_giacomo rigoni_linkedinjpg 

Giacomo Rigoni
Additive Manufacturing Quality Specialist,
Tec Eurolab
TEC-Eurolab_logo_Pantone_nopayoffjpg

Qualità, aspetti critici e certificazione di un prodotto realizzato mediante tecnologia additive manufacturing (metalli, a letto di polvere).

La tecnologia additiva prende sempre più piede nelle applicazioni industriali grazie alla competizione di costruttori di macchine, produttori di polvere e nuove leghe disponibili. Non esiste più un acciaieria che fornisce una materia prima con proprietà definite, un formatore che realizza semilavorati ed un centro di trattamenti termici. Lo “stampatore” di metallo accentra di fatto tutte e tre i processi produttivi. Questo, da un punto di vista logistico , di flessibilità, consente vantaggi enormi. Ma,  da un punto di vista di controllo qualità, porta delle difficoltà. La tecnologia additiva è da ritenersi un processo speciale. Ogni singolo aspetto, a partire dalla realizzazione della polvere fino ad arrivare al trattamento termico, determinano le caratteristiche e la qualità del componente realizzato. Quando sono state definite gli obiettivi di progetto con un robusta ricerca e sviluppo, una buona strategia consta nel valutare e certificare: Materia prima, impianto di stampa, processo di stampa, processo di trattamento termico, personale addetto alla stampa, personale addetto al controllo qualità ed infine il prodotto.

Quality, critical aspects and certification of products realized with additive manufacturing technology (metals, powder bed fusion) ABSTRACT: The additive technology is expanding the presence in the industrial market thanks to the competition of "print" system producers, powder producers and the availability of new metal alloy.

In standard steel production there are a steel mill, moulding – rolling mill for the production of semi-finished products, heat treatments service centers. The additive manufacturing’s process user takes all these processes.From a logistics, flexibility point of view this is a huge advantage. But, from a quality point of view, it generates several difficoulties. Additive manufacturing thecnology is a special process. Every single phases , from the production of powder to the final heat treatment, determine the  characteristics and the quality of the component produced. When the aims of project have been defined with a robust research and development, a good strategy is the evaluation and certification of: feedstocks, additive system, production process, heat treatment, operation personnel, quality personnel, and finally the product.


Business_Conference-512png

Edoardo Gonfiotti
Nuovo Pignone Tecnologie S.r.l. Baker Hughes, a GE company

Tecnologia DMLM: dall’R&D alla qualifica e produzione

La tecnologia additiva sta prendendo piede all’interno di BHGE. Dopo una iniziale fase di ricerca e sviluppo sulle tecnologie additive il DMLM è stato selezionato per le prime applicazioni produttive. Dopo una prima fase di introduzione ai vantaggi tecnologici derivati dall’uso del DMLM i successivi sforzi sono stati indirizzati alla metodologia di qualifica e controllo di qualità per la produzione. Tre maggiori aree di qaulifica sono state individuate: processo, materiale e componente. In BHGE una volta congelati i parametri di qualifica la qualità è assicurata da controlli standardizzati e monitoraggio on-line di processo.

DMLM in BHGE: moving from R&D to qualification and production

Additive Manufacturing is increasing his footprint in BHGE applications technology matrix. After an initial explorative R&D phase aimed at exploring the different technologies DMLM was down-selected as the first choice for additive technology applications. Once set the design department’s mindset towards design for additive approach the benefits coming from DMLM were evident and subsequent efforts were addressed towards qualifications and Quality Assurance (QA). BHGE follows three qualification steps before moving to DMLM production: machine/equipment, material and component. QA is then managed within BHGE by standard re-qualification checks plus monitoring.


davide-ferrulli_1000jpg

Davide Ferrulli
Sales Manager,
HP 3D Printing Italy

HP_Blue_RGB_500jpg
Le soluzioni HP per la Stampa 3D professionale: panoramica della tecnologia e migliori casi studio.


Sara Rinoldi AE Protolabsjpg

Sara Rinoldi
Application Engineer,
Protolabs | SOUTHERN EUROPE REGION
Protolabs-horizontal-logo-RGBpng            
                       

Design per fabbricazione additiva, il design di supporti al processo di produzione

L’ampia gamma di processi e materiale per la stampa 3D permette possibilità che possono sembrare infinite e prendere forma direttamente dall’immaginazione.

Ciò nonostante ogni processo ha bisogno di un approccio progettuale differente, specialmente dove le tecniche di produzione necessitano di supporti per la crescita del pezzo. L’ottimizzazione della geometria in funzione del supporto è fondamentale per evitare di perdere la funzionalità del pezzo.

Specialmente con DMLS ottimizzare l’uso dei supporti significa avere la possibilità di aumentare i volumi prodotti.


EOS_GianCarlo_quer_300dpi_650jpg
Giancarlo Scianatico
Regional Manager
EOS Italy
EOS_Logo_Claim_CMYK_500jpg
Non preoccuparti! Cerca e trova l’applicazione giusta con EOS! 

Il mondo della stampa 3D è ormai diventato estremamente complesso e variegato. Più la tecnologia avanza, più diventa difficile comprendere quale sia la più appropriata e soprattutto in quali casi abbia senso utilizzarla. EOS vuole dare delle risposte a questi dubbi con l’aiuto di concreti casi industriali.

No worries! Find your right application together with EOS!

Nowadays 3D printing world has become extremely complex and varied. The more the technology go progresses, the more difficult it is to understand which is the most appropriate and especially in which cases it makes sense to use it. EOS wants to give answers to these doubts with the help of real industrial case studies.

 

     RM FORUM  FORMAT IS:OPEN’ AND ‘INTERCONNECTED’

Possibility for participants to visit
the Museum at the end of the conference
 

About RM FORUM ...(last edition)